Amazon apre il suo primo supermarket. Dove “entri, prendi ed esci” con un’App

Dallo shopping virtuale a quello “reale” il passo è breve, almeno per Amazon. Che, negli Stati Uniti, ha appena aperto il suo primo supermercato fisico, battezzato Amazon Go. Un market tradizionale? Mica tanto. Il punto vendita inaugurato a Seattle, dopo un anno e mezzo dai primi annunci, non prevede ne casse ne cassieri. I clienti faranno tutto da sé, supportati da una tecnologia sempre più efficace ed efficiente, anche per lo shopping di tutti i giorni. Quindi, dopo aver fatto la spesa, “te ne uscirai tranquillamente con il conto di quello che hai comprato sull’account Amazon del cellulare” spiega il numero uno del colosso delle-commerce, Jeff Bezos.

Shopping da Amazon Go, come funziona

Per entrare nel nuovo negozio, si passa attraverso dei tornelli del tutto simili a quelli che si trovano nelle stazioni della metropolitana. Con questi passaggi, il cliente viene identificato attraverso l’app che ha già scaricato sul proprio smartphone. Nonostante l’operazione appaia semplicissima – entri, prendi quello che ti serve ed esci – la tecnologia necessaria per un simile punto vendita è veramente tanta. Mancano sì casse e cassieri, ma in compenso ci sono un’infinità di telecamere che tengono monitorati i clienti e un sofisticato sistema di sensori sugli scaffali che invece controlla i prodotti. Il Grande Fratello dei supermarket.

Amazon presenta Amazon Go

Lo spot di Amazon pre presentare il supermercato di Seattle – al momento non si sa quando e dove verranno inaugurati altri punti vendita analoghi – dice: “Prendi quello che vuoi dallo scaffale e semplicemente te ne vai”. Le immagini della promo mostrano clienti felici e senza carrelli, muniti solo di grandi buste rigorosamente arancioni.  Spiega sempre la multinazionale che le telecamere e i sensori “segnano quello che prendi, mettendo sul conto Amazon, i prodotti scelti”. “Se per esempio scegli una bella torta e, poi, cambi idea non è un problema – si legge nella nota diffusa dalla società-. Basta rimettere la vaschetta al suo posto e il conto virtuale si aggiorna automaticamente come fosse una spesa online”.

Il personale c’è, eccome

Amazon Go, nonostante le premesse, non sarà un luogo privo di umanità. Anzi. Il personale ci sarà, eccome, ma in ruoli diversi rispetto a quelli dei tradizionali supermercati. I dipendenti, quindi, non staranno alla cassa a battere scontrini, “ma si occuperanno del magazzino, di dare informazioni e consigli ai clienti, lavoreranno nelle cucine e nella preparazione dei pasti da take-away” precisa la società americana.

Condividi postShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn