Comprare voli aerei on line? Il prezzo cambia a seconda da dove li prenoti

Pensate di aver trovato on line la miglior tariffa possibile per un volo aereo? Probabilmente vi sbagliate. Basta fare un piccolo test: provate a prenotare un volo aereo dal telefonino mentre camminate in centro città. I vari portali di e-travel e le varie app vi suggeriranno un prezzo. Ripete la stessa operazione, con le medesime specifiche, dal pc dell’ufficio o dal tablet a casa: le tariffe proposte – per lo stesso volo, ovvio – saranno più care. Ma come è possibile?

Il “mistero” delle tariffe personalizzate

Dietro questa stranezza – che per gli esperti di digital marketing non è strana proprio per niente – c’è un algoritmo capace di personalizzare le tariffe. Un sistema utilizzato da alcune compagnie aeree e dai motori di ricerca dedicati ai viaggi che, a seconda del dispositivo usato e della zona nella quale viene effettuata la prenotazione, propone prezzi differenti per l’identico volo.

La questione è finita sulle pagine dei giornali

Di  recente questa “forbice” dei prezzi tra voli prenotati da smartphone o da pc è salita agli onori della cronaca. Merito (o colpa?) di Rafi Mohammed, di professione consulente, che ha raccontato alla rivista Harvard Business Review la sua avventura. “Stavo usando Orbitz, un’app per cercare un pacchetto vacanze a New York. Arrivato in un hotel, ho aperto il sito web di Orbitz sul mio portatile per prenotare e mi sono accorto che il pacchetto – stesso volo, stesso hotel, stessa camera – costava 117 dollari in più rispetto al prezzo che proponeva l’applicazione, una cifra maggiorata del 6,5%” ha dichiarato il consulente, come riporta l’agenzia AdnKronos. E non è finita qui: dopo aver provato a comprare lo stesso pacchetto attraverso il cellulare di un suo amico, si è accorto che per lo stesso pacchetto “Il prezzo era aumentato di 50 dollari”.

La spiegazione dei big del travel

Expedia (che è la casa madre di Orbitz) attraverso la sua portavoce ha fatto sapere che le differenze di prezzo siano da attribuire al fatto che i fornitori consentono di offrire prezzi diversi ai clienti che si collegano da mobile. Orbitz, dal canto suo, nega di proporre tariffe diversificate a seconda della tipologia di dispositivo o browser utilizzato. E quindi? Il consulente Mohammed, nella sua intervista, dichiara che “Si sta verificando una personalizzazione rudimentale dei prezzi.  I prezzi vengono personalizzati a seconda delle caratteristiche di ciascun cliente e osservando le loro azioni. Come si vestono, le risposte che danno a domande apparentemente innocue (dove vivi, cosa fai per vivere?) che però forniscono indizi”.

Condividi postShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn