Piccoli debiti, la cartella esattoriale va in pensione (forse)

In arrivo qualche vantaggio per i contribuenti alle prese con il fisco. La buona notizia riguarda le querelle relative ai piccoli debiti, per i quali potrebbero essere abolite le famigerate cartelle esattoriali. In Commissione alla Camera ha infatti preso il via l’esame della proposta di legge n. 4042,  mirata a modificare il d.P.R. n. 602/1973 in materia di riscossione mediante ruolo e la legge 24 dicembre 2012, n. 228, in materia di sospensione della riscossione delle somme iscritte a ruolo “nonché altre disposizioni di interpretazione autentica concernenti i termini per la notificazione degli atti e per la prescrizione dei crediti”. Come riporta l’agenzia AdnKronos, questa nuova norma dovrebbe introdurre misure volte a garantire maggiori tutele per i contribuenti nella fase della riscossione.

Si alza l’importo minimo ascrivibile a ruolo

In estrema sintesi, la proposta di legge è destinata ad elevare l’importo minimo iscrivibile a ruolo dal limite di 20mila lire a un limite costituito dal triplo del contributo unificato di iscrizione a ruolo, dovuto nel processo civile, nel processo amministrativo e nel processo tributario, per come determinato dall’articolo 13, comma 1, lettera a), del testo unico in materia di spese di giustizia (di cui al decreto del Presidente della Repubblica n. 115 del 2002).

Le parole del deputato che ha proposto la legge

Il relatore della proposta di legge n. 4042 è Carlo Sibilia (M5S). L’onorevole ricorda che il contributo unificato indicato nella citata lettera a) equivale a 43 euro: pertanto secondo le previsioni della proposta in esame l’importo minimo iscrivibile a ruolo ammonterebbe a 129 euro. Inoltre, si integra la disciplina sul contenuto necessario del ruolo prevedendo che debbano essere indicati: il codice fiscale del contribuente; la specie del ruolo; la data in cui il ruolo diviene esecutivo; il riferimento all’eventuale precedente atto di accertamento o altro atto presupposto; la motivazione, anche sintetica, della pretesa; per i ruoli straordinari viene stabilito che la motivazione deve indicare i presupposti di fatto e di diritto che giustificano il fondato pericolo per la riscossione. Ancora, il ruolo deve indicare in modo analitico tutti gli interessi maturati e i relativi criteri di calcolo. Se così non fosse, non potrà avvenire l’iscrizione.

Rateizzazione, non è il riconoscimento del debito

Per quanto riguarda l’eventuale rateazione del pagamento, viene indicato che la presentazione della richiesta di rateazione non costituisce in nessun caso riconoscimento del debito. Inoltre la nuova norma rende più semplice l’iter per richiedere un nuovo piano di dilazione anche in presenza di rate non saldate.

Condividi postShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn