Pokemon Go: i giocatori hanno provocato 150mila incidenti stradali

Da passatempo innocente dal successo planetario a causa di incidenti stradali. Pokemon Go, il game per smartphone che ha inchiodato allo schermo milioni di persone (e non solo ragazzini) in tutto il mondo, avrebbe infatti provocato non pochi guai sulle strade d’America. A parte l’ossessione nel dare la caccia a qualunque ora del giorno e della notte ai “mostricciattoli” nascosti nelle vie, nelle case e in tutti i luoghi pubblici, Pokemon Go avrebbe distratto dalla guida migliaia di automobilisti.

I danni della passione Pokemon Go

A dare i numeri sono due professori della statunitense Purdue University, secondo cui il popolare gioco di realtà aumentata avrebbe generato fino a 7 miliardi di dollari di danni. La loro ricerca, intitolata “Morte dovuta a Pokemon Go”, rivela che il videogame per smartphone potrebbe aver causato quasi 150mila incidenti stradali negli Stati Uniti nell’arco di cinque mesi, dal lancio della app nel luglio 2016 fino al novembre dello stesso anno. Una media di 30.000 sinistri al mese.

Dati incrociati partendo dai Pokestop

Gli autori hanno preso in esame una contea dell’Indiana, incrociando i dati sugli incidenti stradali con la posizione dei Pokestop, cioè i luoghi di interesse delle città dove è possibile raccogliere ricompense del gioco. Come riporta l’Ansa, in base ai dati raccolti, la probabilità che un incidente accadesse nel raggio di 100 km da un Pokestop era del 26,5% più alta. Gli autori hanno quindi esteso i risultati su scala nazionale, arrivando a calcolare che negli Stati Uniti “l’aumento degli incidenti attribuibile a Pokemon Go è di 145.632, con un aumento associato del numero di feriti pari a 29.370 e di morti pari a 256 persone”. Le responsabilità, ovviamente, non sono di Pokemon Go, ma degli automobilisti così appassionati al gioco da non saper aspettare di parcheggiare prima di ricominciare la caccia. Insomma, i guidatori si distraevano dalla guida pur di acchiappare un Pokemon. Con effetti evidentemente devastanti.

E oggi cosa succede?

A dire la verità, passati i primi mesi di boom e di passione sfrenata per il game, l’entusiasmo è già scemato. Dopo l’effetto novità è arrivato inevitabile il declino. Il messaggio però è chiaro: i giochi si fanno nei momenti liberi e non certo al volante. Anche perché il Codice della strada prevede sanzioni molto severe per chi guida con lo smartphone in mano: nei casi senza danni, si parte da una multa di 161 euro, la decurtazione di 5 punti-patente. E se capita una seconda volta, si è passibili della sospensione della patente da uno a 3 mesi.

Condividi postShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn