TripAdvisor influenza l’economia globale dei viaggi

La spesa turistica internazionale negli ultimi 8 anni consecutivi non arresta la sua crescita, e nel 2017 l’industria dei viaggi ha raggiunto una spesa di più di 5.29 trilioni di dollari. Grazie anche al contributo di TripAdvisor.

Questo è quanto emerge dai risultati dello studio Misurazione dell’Economia Mondiale dei Viaggi, condotto da Oxford Economics in partnership con TripAdvisor, che ha esaminato le dimensioni dell’economia globale dei viaggi, e il contributo di TripAdvisor a essa.

Un contributo pari a 546 miliardi di dollari nel 2017

Comparando i dati di crescita dell’economia mondiale con i trend di TripAdvisor, lo studio ha anche mostrato che il portale ha avuto un’enorme influenza stimata di 546 miliardi di dollari nel 2017. Globalmente, il famoso sito di viaggi ha influenzato più di 433 milioni di viaggi l’anno scorso, di cui 13.5 milioni solo in Italia.

“La categoria dei viaggi è enorme e supera la spesa dei consumatori in altri ambiti in tutto il mondo – commenta Charlie Ballard, TripAdvisor’s director of strategic insights -. TripAdvisor non solo ispira i viaggiatori, ma genera anche più viaggi, in particolare incoraggiando i viaggiatori a fare viaggi più lunghi mostrando loro quanto c’è da fare e da vedere”.

La spesa di viaggio influenzata dai TripAdvisor supera la crescita della spesa totale di viaggi e turismo

Negli ultimi 10 anni, secondo Oxford Economics, la spesa di viaggio influenzata da TripAdvisor ha superato la crescita della spesa totale di viaggi e turismo, con un tasso medio annuale del 7.4%, mentre la spesa turistica totale è cresciuta in media del 3%. L’influenza di TripAdvisor cresce poi in tutte le regioni globali, con miglioramenti sia in destinazioni turistiche in via di sviluppo sia in mercati già maturi.

Anche in Italia emerge un aumento dell’influenza di TripAdvisor: dal 2010 al 2017 la quota di arrivi influenzati dal sito è cresciuta dal 14.2% al 17.9%, supportando potenzialmente la crescita di alcune rotte chiave, specialmente da UK e US.

 

In Italia il mercato domestico vale il 77% della spesa totale

In Italia il mercato domestico conta per il 77% della spesa totale mentre Germania (21.9%) e US (10.2%) detengono la quota maggiore della spesa internazionale. Francia, Cina, Emirati Arabi Uniti e UK sono altri mercati importanti per il Bel Paese.

Il maggiore aumento della spesa di viaggio negli ultimi anni si registra però in APAC, Medio Oriente e America Latina. E con 3.9 trilioni di dollari all’anno la spesa del turismo domestico conta per circa tre quarti della spesa turistica globale, mentre la spesa internazionale ha raggiunto quota 1.4 trilioni di dollari nel 2017

Condividi postShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn