Boom di allergia alimentare fra i bambini, in Italia sono più di mezzo milione

In Italia sono più di mezzo milione i casi di allergia alimentare fra i più piccoli. Un vero e proprio tsunami che dal 2010 a livello globale registra un’autentica  esplosione: se prima i casi erano attorno al 2-3% ora hanno raggiunto il 10% in Australia e l’8% in Gran Bretagna. E il fenomeno, secondo uno studio appena pubblicato sul Journal of Allergy and Clinical Immunology, sarebbe legato a una ”tempesta perfetta”, un mix di genetica e fattori ambientali. L’allergia alimentare, secondo lo studio, si innesca perciò quando questi fattori si verificano insieme.

5.000 bambini con meno di 5 anni sono a rischio di reazioni allergiche gravi

Dal 1997 al 2007 tra i minori di 18 anni la prevalenza di allergia alimentare nel mondo è aumentata del 18%. Gli under 18 che soffrono di allergie alimentari in Italia sono 570mila: 270mila bimbi tra 0 e 5 anni, 180mila tra 5 e 10 anni, e 120mila tra 10 e 18 anni.

Dei 270mila bambini con meno di 5 anni che soffrono di allergie alimentari, 5000 sono a rischio di reazioni allergiche gravi che possono costar loro anche la vita, e una reazione allergica grave su tre avviene a scuola. E l’allergia alimentare più frequente nei bambini tra 0 e 5 anni è quella al latte vaccino, seguita da quella alle uova.

Alcuni fattori di rischio possono essere modificati all’interno delle mura domestiche

La causa dell’allergia alimentare è stata fino a ora un vero e proprio mistero, ma abitudini errate, come l’esposizione della pelle a saponi che non vengono sciacquati, unite agli allergeni in polvere presente nell’ambiente domestico e nel cibo, possono essere cause scatenanti. “Questa è una ricetta per lo sviluppo di allergie alimentari – dichiara Joan Cook-Mills, professore di immunologia allergologica presso la Scuola di Medicina Feinberg della Northwestern University -. È un importante progresso nella nostra comprensione di come l’allergia alimentare inizi presto nella vita”. Infatti alcuni fattori di rischio possono essere modificati proprio all’interno delle mura domestiche.

Fino al 35% dei bambini con allergie alimentari presenta dermatite atopica

Le prove cliniche dimostrano che fino al 35% dei bambini con allergie alimentari presenta forme di dermatite atopica, riferisce Ansa, e gran parte di ciò è spiegato da almeno tre diverse mutazioni geniche che riducono la barriera cutanea. I problemi della pelle che si verificano con le mutazioni della barriera cutanea possono non essere visibili fino a molto tempo dopo che un’allergia alimentare sia già iniziata. Ma esiste un ampio continuum di disfunzione cutanea da lieve a dermatite atopica, che nella sua forma più lieve può semplicemente sembrare pelle secca.

Condividi postShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn