Per Amnesty International Google e Facebook minacciano i diritti umani

Amnesty International scende in campo contro i colossi del web. La sorveglianza “onnipresente” operata da Facebook e Google su miliardi di persone per Amnesty rappresenta infatti una “minaccia sistemica” ai diritti umani.

L’accusa è stata formulata nel rapporto dal titolo I giganti della sorveglianza, dove l’Ong evidenzia i rischi per la privacy derivanti dall’utilizzo dei dati personali da parte delle piattaforme. L’auspicio, da parte di Amnesty, è quello di una “trasformazione radicale” del loro modello di business, ma le due compagnie sono pronte a difendersi.

Un modello di business basato sulla raccolta e la tracciabilità dei dati a fini pubblicitari

Nel rapporto, Amnesty International riconosce il ruolo positivo di Google e Facebook nel “connettere il mondo e nel fornire servizi cruciali a miliardi di persone”, si legge nel testo. Il prezzo da pagare però, secondo la Ong è elevato, poiché il modello di business delle due compagnie, basato sulla raccolta dei dati degli utenti, sul tracciamento delle attività online e sulla loro categorizzazione a fini pubblicitari, consente alle persone di “godere dei diritti umani online solo sottomettendosi a un sistema basato sull’abuso dei diritti umani”.

“Il controllo insidioso della nostra vita digitale mina l’essenza stessa della privacy”

Proprio in questo, Amnesty ravvisa in primo luogo “un attacco al diritto alla privacy su una scala senza precedenti”, con effetti a catena che mettono a rischio una serie di altri diritti, dalla libertà di espressione e opinione, al diritto alla non discriminazione, riferisce una notizia della Redazione Ansa. “Google e Facebook dominano le nostre vite moderne, accumulando un potere senza pari sul mondo digitale con la raccolta e la monetizzazione dei dati personali di miliardi di persone – afferma il segretario generale di Amesty International, Kumi Naidoo -. Il loro controllo insidioso della nostra vita digitale mina l’essenza stessa della privacy ed è una delle principali sfide per i diritti umani della nostra era”.
La replica di Facebook e Google

“Siamo in disaccordo con il rapporto di Amnesty International – commenta un portavoce di Facebook Company -. Facebook consente alle persone di tutto il mondo di connettersi in modi che proteggono la privacy, anche nei Paesi meno sviluppati con strumenti come Free Basics. Il nostro modello di business – aggiunge il portavoce – è quello con cui gruppi come Amnesty International, che attualmente pubblicano inserzioni su Facebook, raggiungono i sostenitori, raccolgono fondi e portano avanti la loro missione”.

Da parte su Google invece replica: “riconosciamo che le persone si fidano di noi per le loro informazioni, e che abbiamo la responsabilità di proteggerle. Negli ultimi 18 mesi abbiamo apportato modifiche significative e creato strumenti per dare alle persone un maggiore controllo sulle loro informazioni”.

 

Condividi postShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn