Spotify dichiara guerra agli account pirata

Spotify, il colosso svedese che ha rivoluzionato il mondo della musica, ha dichiarato guerra aperta agli account che utilizzano abbonamenti “premium”, ovvero a pagamento, pur senza essere realmente abbonati. Da qualche giorno infatti la piattaforma di musica in streaming ha iniziato a inviare email agli utenti che ritiene stiano accedendo gratuitamente alla versione premium di Spotify, pur disponendo solo di un profilo gratuito. Le versioni pirata di Spotify, quindi, avrebbero le ore contate e ancora poche note a disposizione.

Sono 71 milioni gli utenti che utilizzano abbonamenti premium a Spotify

In base ai dati pubblicati a dicembre dalla piattaforma, scrive Torrentfreak, sono circa 71 milioni gli utenti in tutto il mondo che utilizzano abbonamenti premium mentre sono 159 milioni gli utenti unici al mese. Quelli premium sono abbonamenti che permettono di ascoltare brani in modo illimitato, e senza pubblicità. Un piccolo lusso che però prevede  un costo di 9,90 euro al mese. Il servizio a pagamento, a differenza di quello gratuito, offre inoltre la possibilità di scaricare musica sul proprio dispositivo per poterla ascoltare anche offline, come e quando si vuole. Il servizi gratuito, invece, consente solamente l’ascolto di brani musicali, oltre ad avere alcune limitazioni e restrizioni, come ad esempio lo skip dei brani.

Stop agli abbonamenti premium “craccati”

Sembra proprio che alcuni utenti, tramite delle app che consentono di modificare l’accesso su Spotify, siano riusciti a fruire dei contenuti premium illegalmente, senza perciò pagare l’abbonamento mensile previsto. Ma Spotify se ne è accorta, e ora sta prendendo contromisure severe. Nella email inviata ai profili sospetti, infatti, la società spiega di aver “rilevato un’attività anormale sull’app”, avvertendo che future violazioni potrebbero comportare la sospensione, o addirittura la chiusura dell’account.

L’hashtag #Spotify balza in cima ai trending topic di Twitter

Da quando Spotify ha iniziato a inviare le missive, sono stati in molti a sfogare la propria disperazione sui social network, riferisce Adnkronos. Tanto che l’hashtag #Spotify è balzato in cima ai trending topic di Twitter. Ma non c’è davvero niente da fare. Ora anche i furbetti, se vorranno continuare a usufruire del servizio, dovranno disinstallare la versione pirata e scaricare l’app ufficiale. Bisogna pagare, altrimenti la musica è finita, almeno su Spotify.  Che, nel corso del suo ultimo Investor Day, ha annunciato che ad aprile 2018 si muterà sul mercato di Wall Street.

Condividi postShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Chiacchiera servite in tazza

Sul web lo sappiamo, si compra, si lavora, ci si informa, si eseguono attività finanziarie, si imparano ricette, si prenotano viaggi… ma, sopratutto, si “cazzeggia”. Che non è una parolaccia, non sia mai, ma una terminologia diretta e schietta per evitare giri di parole e verbi troppo sofisticati. Facebook è un pò il re del cazzeggio:  ed è infatti attraverso il noto social che abbiamo scoperto un sito molto carino, ben fatto ed interessante. Si tratta di www.caffeblabla.it, un portale effettivamente nato da poche settimane che propone contenuti molto leggeri ma al tempo stesso interessanti per chi, come noi, ama alla follia il caffè…

Ed il caffè non è solo una bevanda: è uno stile di vita, o meglio è una parte integrante della nostra vita. E’ il compagno che scandisce i momenti della nostra giornata, che ci da la carica, che ci sveglia, che ci fa socializzare, che ci fa trascorrere del tempo con noi stessi o con altri: e allora abbiamo apprezzato molto un sito web interamente dedicato al caffè, con notizie e curiosità ad esso correlati ma anche spunti interessanti per la salute, lo sport e la cucina.

Caffeblabla.it è un sito fresco e giovane, che vi consigliamo di visitare per scoprire aspetti ed informazioni legate alla nostra bevanda preferita: imparerete aforismi originali e passerete qualche minuto di relax, magari sorseggiando il vostro caffè preferito!

Condividi postShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

L’eccesso di social non rende asociali. Oppure si?

Da quando piattaforme come Facebook, WhatsApp, Twitter, Instagram e Snapchat hanno raggiunto numeri enormi e con una percentuale di penetrazione tra i più giovani superiore all’80%, esperti e psicologi hanno iniziato a indagare il fenomeno. Ma se alcuni studiosi e ricercatori ritengono che i social portino l’utente a estraniarsi dalla società, secondo altri, se usate nella giusta maniera, le piattaforme social aiutano a rapportarsi con il mondo esterno e ad avere maggiore fiducia nelle proprie capacità.

C’è chi è a favore dei social…

I ricercatori dell’Università del Kansas hanno dimostrato che non c’è una connessione diretta tra l’eccessiva presenza sulle reti virtuali e il dislocamento sociale. Se la regola fosse corretta, spiega Jeffrey Hall, docente di scienze della comunicazione, “le persone sarebbero dovute uscire di meno e fare meno telefonate, ma non è stato questo il caso”. Quello che invece è risultato da due studi pubblicati sulla rivista Information, Communication & Society, “è che l’uso dei social media da parte delle persone – continua Hall – non aveva alcun rapporto con coloro i quali avrebbero parlato più tardi quello stesso giorno”, riferisce Ansa.

… e chi è contro

Uno degli attacchi più duri però è arrivato da parte di Chamath Palihapitiya, ex vicepresidente di sezione per l’aumento degli utenti di Facebook, che ha incolpato il social di distruggere il tessuto sociale. O da Sean Parker (creatore di Napster nonché ex presidente di Facebook) che con Palihapitiya condivide l’opinione che sia l’intero sistema dei social network e del mondo dell’online a essere “rischioso” e a mettere in pericolo la salute delle persone.

Inoltre, secondo una ricerca della Royal Society for Public Health britannica, è Instagram la piattaforma più problematica per la salute mentale dei giovani. Il social dedicato alle immagini favorisce la promozione della propria identità, ma allo stesso tempo porta alla depressione e all’ansia. Sotto accusa anche Snapchat, che secondo uno studio realizzato dall’American Academy of Pediatrics, potrebbe condurre a uno stato d’ansia e depressione. O alla voglia di imitazione.

Per rendere più felici gli utenti Facebook cambia l’algoritmo

Anche il social network di Mark Zuckerberg ha commissionato una ricerca: come rendere più felici le persone che ogni giorno utilizzano Facebook? In un lungo post pubblicato sul blog ufficiale, il capo dei ricercatori di Facebook ha spiegato che solamente l’uso passivo della piattaforma porta a problemi mentali. L’interazione attiva svilupperebbe al contrario un miglioramento del proprio benessere mentale.

I risultati di questa ricerca hanno convinto Mark Zuckerberg a cambiare l’algoritmo che gestisce il NewsFeed di Facebook, la sezione Notizie che ci accoglie quando entriamo all’interno del social network. Il nuovo algoritmo mostrerà nelle prime posizione i post dei propri amici e parenti, che secondo i risultati delle ricerche sono quelli che rendono maggiormente felici gli utenti. I post delle Pagine, invece, saranno penalizzati, e bisognerà scrollare verso il basso per trovarli.

Condividi postShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Amazon apre il suo primo supermarket. Dove “entri, prendi ed esci” con un’App

Dallo shopping virtuale a quello “reale” il passo è breve, almeno per Amazon. Che, negli Stati Uniti, ha appena aperto il suo primo supermercato fisico, battezzato Amazon Go. Un market tradizionale? Mica tanto. Il punto vendita inaugurato a Seattle, dopo un anno e mezzo dai primi annunci, non prevede ne casse ne cassieri. I clienti faranno tutto da sé, supportati da una tecnologia sempre più efficace ed efficiente, anche per lo shopping di tutti i giorni. Quindi, dopo aver fatto la spesa, “te ne uscirai tranquillamente con il conto di quello che hai comprato sull’account Amazon del cellulare” spiega il numero uno del colosso delle-commerce, Jeff Bezos.

Shopping da Amazon Go, come funziona

Per entrare nel nuovo negozio, si passa attraverso dei tornelli del tutto simili a quelli che si trovano nelle stazioni della metropolitana. Con questi passaggi, il cliente viene identificato attraverso l’app che ha già scaricato sul proprio smartphone. Nonostante l’operazione appaia semplicissima – entri, prendi quello che ti serve ed esci – la tecnologia necessaria per un simile punto vendita è veramente tanta. Mancano sì casse e cassieri, ma in compenso ci sono un’infinità di telecamere che tengono monitorati i clienti e un sofisticato sistema di sensori sugli scaffali che invece controlla i prodotti. Il Grande Fratello dei supermarket.

Amazon presenta Amazon Go

Lo spot di Amazon pre presentare il supermercato di Seattle – al momento non si sa quando e dove verranno inaugurati altri punti vendita analoghi – dice: “Prendi quello che vuoi dallo scaffale e semplicemente te ne vai”. Le immagini della promo mostrano clienti felici e senza carrelli, muniti solo di grandi buste rigorosamente arancioni.  Spiega sempre la multinazionale che le telecamere e i sensori “segnano quello che prendi, mettendo sul conto Amazon, i prodotti scelti”. “Se per esempio scegli una bella torta e, poi, cambi idea non è un problema – si legge nella nota diffusa dalla società-. Basta rimettere la vaschetta al suo posto e il conto virtuale si aggiorna automaticamente come fosse una spesa online”.

Il personale c’è, eccome

Amazon Go, nonostante le premesse, non sarà un luogo privo di umanità. Anzi. Il personale ci sarà, eccome, ma in ruoli diversi rispetto a quelli dei tradizionali supermercati. I dipendenti, quindi, non staranno alla cassa a battere scontrini, “ma si occuperanno del magazzino, di dare informazioni e consigli ai clienti, lavoreranno nelle cucine e nella preparazione dei pasti da take-away” precisa la società americana.

Condividi postShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Pokemon Go: i giocatori hanno provocato 150mila incidenti stradali

Da passatempo innocente dal successo planetario a causa di incidenti stradali. Pokemon Go, il game per smartphone che ha inchiodato allo schermo milioni di persone (e non solo ragazzini) in tutto il mondo, avrebbe infatti provocato non pochi guai sulle strade d’America. A parte l’ossessione nel dare la caccia a qualunque ora del giorno e della notte ai “mostricciattoli” nascosti nelle vie, nelle case e in tutti i luoghi pubblici, Pokemon Go avrebbe distratto dalla guida migliaia di automobilisti.

I danni della passione Pokemon Go

A dare i numeri sono due professori della statunitense Purdue University, secondo cui il popolare gioco di realtà aumentata avrebbe generato fino a 7 miliardi di dollari di danni. La loro ricerca, intitolata “Morte dovuta a Pokemon Go”, rivela che il videogame per smartphone potrebbe aver causato quasi 150mila incidenti stradali negli Stati Uniti nell’arco di cinque mesi, dal lancio della app nel luglio 2016 fino al novembre dello stesso anno. Una media di 30.000 sinistri al mese.

Dati incrociati partendo dai Pokestop

Gli autori hanno preso in esame una contea dell’Indiana, incrociando i dati sugli incidenti stradali con la posizione dei Pokestop, cioè i luoghi di interesse delle città dove è possibile raccogliere ricompense del gioco. Come riporta l’Ansa, in base ai dati raccolti, la probabilità che un incidente accadesse nel raggio di 100 km da un Pokestop era del 26,5% più alta. Gli autori hanno quindi esteso i risultati su scala nazionale, arrivando a calcolare che negli Stati Uniti “l’aumento degli incidenti attribuibile a Pokemon Go è di 145.632, con un aumento associato del numero di feriti pari a 29.370 e di morti pari a 256 persone”. Le responsabilità, ovviamente, non sono di Pokemon Go, ma degli automobilisti così appassionati al gioco da non saper aspettare di parcheggiare prima di ricominciare la caccia. Insomma, i guidatori si distraevano dalla guida pur di acchiappare un Pokemon. Con effetti evidentemente devastanti.

E oggi cosa succede?

A dire la verità, passati i primi mesi di boom e di passione sfrenata per il game, l’entusiasmo è già scemato. Dopo l’effetto novità è arrivato inevitabile il declino. Il messaggio però è chiaro: i giochi si fanno nei momenti liberi e non certo al volante. Anche perché il Codice della strada prevede sanzioni molto severe per chi guida con lo smartphone in mano: nei casi senza danni, si parte da una multa di 161 euro, la decurtazione di 5 punti-patente. E se capita una seconda volta, si è passibili della sospensione della patente da uno a 3 mesi.

Condividi postShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Comprare voli aerei on line? Il prezzo cambia a seconda da dove li prenoti

Pensate di aver trovato on line la miglior tariffa possibile per un volo aereo? Probabilmente vi sbagliate. Basta fare un piccolo test: provate a prenotare un volo aereo dal telefonino mentre camminate in centro città. I vari portali di e-travel e le varie app vi suggeriranno un prezzo. Ripete la stessa operazione, con le medesime specifiche, dal pc dell’ufficio o dal tablet a casa: le tariffe proposte – per lo stesso volo, ovvio – saranno più care. Ma come è possibile?

Il “mistero” delle tariffe personalizzate

Dietro questa stranezza – che per gli esperti di digital marketing non è strana proprio per niente – c’è un algoritmo capace di personalizzare le tariffe. Un sistema utilizzato da alcune compagnie aeree e dai motori di ricerca dedicati ai viaggi che, a seconda del dispositivo usato e della zona nella quale viene effettuata la prenotazione, propone prezzi differenti per l’identico volo.

La questione è finita sulle pagine dei giornali

Di  recente questa “forbice” dei prezzi tra voli prenotati da smartphone o da pc è salita agli onori della cronaca. Merito (o colpa?) di Rafi Mohammed, di professione consulente, che ha raccontato alla rivista Harvard Business Review la sua avventura. “Stavo usando Orbitz, un’app per cercare un pacchetto vacanze a New York. Arrivato in un hotel, ho aperto il sito web di Orbitz sul mio portatile per prenotare e mi sono accorto che il pacchetto – stesso volo, stesso hotel, stessa camera – costava 117 dollari in più rispetto al prezzo che proponeva l’applicazione, una cifra maggiorata del 6,5%” ha dichiarato il consulente, come riporta l’agenzia AdnKronos. E non è finita qui: dopo aver provato a comprare lo stesso pacchetto attraverso il cellulare di un suo amico, si è accorto che per lo stesso pacchetto “Il prezzo era aumentato di 50 dollari”.

La spiegazione dei big del travel

Expedia (che è la casa madre di Orbitz) attraverso la sua portavoce ha fatto sapere che le differenze di prezzo siano da attribuire al fatto che i fornitori consentono di offrire prezzi diversi ai clienti che si collegano da mobile. Orbitz, dal canto suo, nega di proporre tariffe diversificate a seconda della tipologia di dispositivo o browser utilizzato. E quindi? Il consulente Mohammed, nella sua intervista, dichiara che “Si sta verificando una personalizzazione rudimentale dei prezzi.  I prezzi vengono personalizzati a seconda delle caratteristiche di ciascun cliente e osservando le loro azioni. Come si vestono, le risposte che danno a domande apparentemente innocue (dove vivi, cosa fai per vivere?) che però forniscono indizi”.

Condividi postShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Piccoli debiti, la cartella esattoriale va in pensione (forse)

In arrivo qualche vantaggio per i contribuenti alle prese con il fisco. La buona notizia riguarda le querelle relative ai piccoli debiti, per i quali potrebbero essere abolite le famigerate cartelle esattoriali. In Commissione alla Camera ha infatti preso il via l’esame della proposta di legge n. 4042,  mirata a modificare il d.P.R. n. 602/1973 in materia di riscossione mediante ruolo e la legge 24 dicembre 2012, n. 228, in materia di sospensione della riscossione delle somme iscritte a ruolo “nonché altre disposizioni di interpretazione autentica concernenti i termini per la notificazione degli atti e per la prescrizione dei crediti”. Come riporta l’agenzia AdnKronos, questa nuova norma dovrebbe introdurre misure volte a garantire maggiori tutele per i contribuenti nella fase della riscossione.

Si alza l’importo minimo ascrivibile a ruolo

In estrema sintesi, la proposta di legge è destinata ad elevare l’importo minimo iscrivibile a ruolo dal limite di 20mila lire a un limite costituito dal triplo del contributo unificato di iscrizione a ruolo, dovuto nel processo civile, nel processo amministrativo e nel processo tributario, per come determinato dall’articolo 13, comma 1, lettera a), del testo unico in materia di spese di giustizia (di cui al decreto del Presidente della Repubblica n. 115 del 2002).

Le parole del deputato che ha proposto la legge

Il relatore della proposta di legge n. 4042 è Carlo Sibilia (M5S). L’onorevole ricorda che il contributo unificato indicato nella citata lettera a) equivale a 43 euro: pertanto secondo le previsioni della proposta in esame l’importo minimo iscrivibile a ruolo ammonterebbe a 129 euro. Inoltre, si integra la disciplina sul contenuto necessario del ruolo prevedendo che debbano essere indicati: il codice fiscale del contribuente; la specie del ruolo; la data in cui il ruolo diviene esecutivo; il riferimento all’eventuale precedente atto di accertamento o altro atto presupposto; la motivazione, anche sintetica, della pretesa; per i ruoli straordinari viene stabilito che la motivazione deve indicare i presupposti di fatto e di diritto che giustificano il fondato pericolo per la riscossione. Ancora, il ruolo deve indicare in modo analitico tutti gli interessi maturati e i relativi criteri di calcolo. Se così non fosse, non potrà avvenire l’iscrizione.

Rateizzazione, non è il riconoscimento del debito

Per quanto riguarda l’eventuale rateazione del pagamento, viene indicato che la presentazione della richiesta di rateazione non costituisce in nessun caso riconoscimento del debito. Inoltre la nuova norma rende più semplice l’iter per richiedere un nuovo piano di dilazione anche in presenza di rate non saldate.

Condividi postShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

La casa Feng Shui: l’arredo giusto per la casa “giusta”

Sempre più spesso si sente parlare di Feng Shui, l’antichissima arte cinese che insegna a progettare le abitazioni e a disporre gli arredi nel segno della massima armonia. La definizione Feng Shui significa letteralmente “acqua e vento”, ispirandosi quindi ai due elementi che plasmano e modellano ogni cosa sulla Terra, l’equivalente dello Yin e Yang. Applicata all’architettura, questa disciplina – che in diversi paesi orientali regola addirittura i cantieri – dovrebbe assicurare alle persone il massimo livello di benessere, serenità e salute. Anche se oggi non è sempre facilissimo organizzare i propri spazi abitativi in base a tali dettami, ci sono però ampi margini di azione per quanto concerne la disposizione degli arredi.

Mobili di qualità e in materiali naturali

Innanzitutto, il Feng Shui vuole che gli arredi siano di materiali di qualità e possibilmente naturali, come il legno, i metalli, i tessuti non sintetici. Per avere un’idea di cosa offre il mercato ci si può rivolgere a rivenditori riconosciuti, come Pedrazzini Arreda, che nel proprio store Veneta Cucina a Milano ha anche una vasta scelta di arredi e complementi in sintonia con le regole orientali. Ancora, il Feng Shui pretende l’ordine in casa: la confusione, l’eccesso di oggetti superflui blocca il corretto fluire dell’energia, a discapito del benessere degli abitanti.

La camera da letto per il sonno perfetto

La prima regola del Feng Shui è che la camera da letto sia lontana dall’ingresso, per creare uno spazio di quiete e pace. Per quanto riguarda la disposizione del letto, pediera e testiera non dovrebbero essere rivolte verso la porta. I colori che assicurano il miglior riposo sono il blu e il verde, mentre gli specchi potrebbero ostacolare un sonno ristoratore. La camera dei bambini andrebbe invece tinteggiata in colori neutri.

Il soggiorno armonico

L’ingresso e il salotto dovrebbero essere tinteggiati in colori naturali e solari, come il rosa, il giallo, l’arancione, il rosso, che favoriscono la convivialità. Nel soggiorno, che il Feng Shui vorrebbe di forma regolare meglio se quadrata, è importantissima la posizione del divano. Lontano da porte e finestre, va posizionato lungo il muro, in modo che chi si siede abbia le spalle protette. Per quanto riguarda invece la scelta del tavolo da pranzo, l’ideale è un modello dagli spigoli arrotondati e in legno naturale.

La cucina, regno dell’ordine

Siccome nel Feng Shui le energie devono poter fluire liberamente, è importante che chi cucina non dia le spalle alla porta. I fornelli, così come tutto l’ambiente, vanno tenuti in ordine con estrema cura: la preparazione dei cibi, fondamentali per il benessere, è importantissima nella tradizione orientale. Un’altra indicazione significativa è che il forno dovrebbe essere posizionato lontano da frigorifero e lavello. Un colore da prediligere? Il verde, magari abbinato al bianco.

Il bagno, come lo vuoi

Per questo ambiente ci si può sbizzarrire di più e le regole sono meno strette. L’unico divieto da rispettare è quello di posizionare questo locale vicino alla cucina. Il Feng Shui consiglia sanitari bianchi, mentre per piastrelle e pareti via libera alla fantasia. Un’accortezza è quella di limitare l’uso del colore nero, che assorbe la luce e quindi l’energia positiva.

Condividi postShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Imprenditori lombardi campioni di export: +9% rispetto all’anno scorso

Buone notizie per il business lombardo. La Regione, infatti, si rivela campionessa di export con 300 milioni di euro al giorno. Secondo gli ultimi dati diffusi dalla Camera di Commercio di Milano, su elaborazioni dei dati Istat riferiti al primo trimestre 2017,  emerge che la Lombardia vale 60 miliardi di scambi nei primi tre mesi del 2017. Rispetto allo stesso periodo dell’anno passato, si registra un notevole incremento: +9%. E gli imprenditori lombardi si riconoscono il primato, assegnandosi un bel 7 come voto in attività all’estero. Per 3 aziende su 4 centrale è la qualità del prodotto, per 1 su 3 più difficile andare all’estero per la concorrenza globale.

In Lombardia il 28,6% dell’interscambio nazionale

Sull’interscambio nazionale, che nel primo trimestre 2017 ammonta a 211 miliardi (+11,7%), la Lombardia rappresenta il 28,6% del totale italiano. Buone notizia sul fronte sia dell’iimport sia dell’export: nei tre mesi esaminati registrano rispettivamente 31 miliardi (+10%) e 29 miliardi (+8,6%), che pesano il 30,6% e 26,7% del totale italiano. L’export, in particolare, per la Lombardia pesa oltre 300 milioni al giorno. Milano è il territorio che registra il maggior interscambio con 26 miliardi in tre mesi: il 43% del totale lombardo e in crescita del 5,8%. Seguono Brescia (+9,6%) e Bergamo (+5,8%), entrambe con 6 miliardi in tre mesi. Prima Milano anche nell’export con 10 miliardi in tre mesi (+9%). Seconde Brescia (+8,7%) e Bergamo (+5,8%), con quasi 4 miliardi in tre mesi. Superano i due miliardi in tre mesi Monza e Brianza (+15,5%) e Varese (+1%).

Mercati esteri fondamentali per gli imprenditori della Lombardia

Per le imprese milanesi e lombarde attive anche a livello internazionale, il business estero è molto importante. Una tendenza testimoniata dal fatto che il loro fatturato è influenzato in maniera significativa dall’attività sui mercati esteri. Per circa il 37% degli imprenditori coinvolti nella rilevazione, infatti, il business internazionale pesa per oltre il 50% del fatturato. Quasi tutti gli intervistati manifestano la volontà di aumentare il proprio business internazionale e il 74,4% considera la qualità del proprio prodotto il valore aggiunto per il successo nei mercati esteri. Una parte degli imprenditori coinvolti (36%) sostiene di avere relazioni di business in più di 10 paesi e i mercati principali sono nell’Unione Europea per il 66%. Nei prossimi anni punteranno a diversificare: il 31% intende comunque restare concentrato sui mercati dell’Unione Europea.

Costi e dimensioni le criticità

Le problematiche espresse dagli imprenditori, tuttavia, non mancano. Le criticità, indicate dalle stesse imprese, sono: dimensione aziendale (42%), costi d’accesso elevati (28%) e la scarsa conoscenza dei mercati (24%). Il 35% sostiene che negli ultimi anni è più complicato fare business all’estero a causa di un incremento della globalizzazione e della relativa concorrenza internazionale

Condividi postShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Agenzie SEO: consigli

Che gran parte delle attività di marketing si siano spostate sull’online, crediamo sia ormai un dato di fatto: che si tratti di prodotti o servizi, l’utente cerca una risposta alle proprie esigenze sempre più sul web e sempre meno sui canali tradizionali (ma fino a quando potremo definirli tali?). Ma, sopratutto nel nostro Paese, rimane sempre un problema: se per realizzare una brochure mi rivolgo ad uno studio grafico, se per diffondere un volantino ad un’agenzia di pubblicità o ad una radio per inviare un messaggio radiofonico, cosa faccio per emergere nella giungle del web? A chi mi rivolgo?

Verrebbe da rispondere a Google… Ma in realtà il pay per click, che consiste in tutta una serie di attività per le quali ad un determinato costo corrisponde un click sul proprio sito web, non è l’unica strada percorribile, come ci spiega Websenior, apprezzata agenzia SEO nata circa 3 anni fa in provincia di Monza. Google AdWords è uno strumento di promozione estremamente potente, in grado di amplificare in tempi brevissimi i risultati ottenibili dalla propria visibilità sul web. Tuttavia, come in ogni attività di promozione online, ha dei pro e dei contro: in particolare, se da un lato garantisce una buona intercettazione delle ricerche degli utenti entro poche ore dalla pubblicazione di una campagna, dall’altro non consente di investire sul proprio brand e, sopratutto, di pianificare al meglio il proprio budget. Essere ai primi posti nella ricerca a pagamento, infatti, non è come esserlo nei risultati organici che, al contrario, consentono di trasmettere autorevolezza ed importanza in relazione all’argomento cercato dall’utente finale. Per quanto concerne il budget, il CPC (costo per click) è un parametro difficilmente controllabile per via della forte concorrenza che, negli ultimi anni, ha portato ad una moltiplicazione continua di tale costo. Basti pensare che oggi se Websenior volesse promuovere la propria attività intercettando gli utenti che cercano la parola “agenzia seo“, finirebbe con lo spendere oltre 6 euro per ogni click ricevuto…

Infine, spesso le campagne AdWords richiedono di promuovere un tangibile incentivo economico per l’utente, sempre più attratto da messaggi che catturino l’attenzione con “offerte imperdibili” o “servizi gratuiti”, e questo è un altro elemento da considerare. E’ chiaro che anche in attività differenti, come il performance marketing o la SEO vanno considerati questi fattori, tuttavia è dimostrato come questi canali riescano ad indirizzare, tendenzialmente, utenti più interessati e con comportamenti migliori sulle pagine del sito: bounce rate e conversion rate sono quasi sempre significativamente più elevati dal canale organico che non da quello a pagamento, e questo anche per un fatto storico.

Insomma, investire nel PPC o nella SEO? Ne parleremo ancora…

Condividi postShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn